LIVE THE WORLD



VIAGGIA, SCOPRI NUOVE CULTURE
E VIVI NUOVE EMOZIONI

Pubblichiamo la seconda parte del viaggio di Anelisa in Sud Africa, quanti colori, odori, sensazioni irresistibili!

Racconti di Viaggio di un’Esploratrice del Mondo

e di sé nel Mondo :

LO ZIMBABWE e LE CASCATE VITTORIA

E il viaggio continua…si riparte da Johannesburg per l’Aeroporto di Victoria Falls…lo Zimbabwe…quando andavo a scuola e la geografia si studiava davanti ad immense cartine geografiche, appese alle pareti della classe, lo Zimbabwe neppure esisteva…si chiamava Rhodesia…ed io ora sono qui !!!

KODAK DIGITAL STILL CAMERA

Quando scendo dall’aereo, vengo colta da un’emozione unica guardando il cielo…in questa terra tutto sembra un unico abbraccio…il verde della natura intorno e l’azzurro del cielo, ed il bianco delle nuvole…così basse…cosi’ belle paffute…piccoli batuffoli di zucchero filato…come a venirci asalutare e a darci il benvenuto…

E’ una bella sensazione quella che mi invade, di completa armonia di un territorio e dell’uomo consapevole in essa…mi sento felice d’improvviso…come se appartenessi ad un tutto, non da semplice spetIMG_20160308_133202tatore.IMG_20160307_102727

Queste emozioni diventano sempre più forti appena mi trovo sul fiume Zambesi, che lento scorre nel suo silenzio, con i suoi coccodrilli, con gli ippopotami, e che regala scenari d’incanto al calar del sole, quando l’acqua riflette le mille sfumature del cielo, sfumature che cambiano di minuto in minuto, e sciolgono il cuore, perchè mentre ci si guarda intorno in questa meravigliosa esplosione di delicati colori del cielo, lo Zambesi, lui, il grande fiume, continua a scorrere implacabile e silenzioso, i coccodrilli sono sempre lì sulla riva immobili, e gli ippopotami continuano a trastullarsi nell’acqua… e poi in lontananza scorgo un vapore che si alza in un’immensa nube di fumo: le Cascate Vittoria, “il fumo che tuona” come le chiamano gli indigeni, si innalzano con colonne di vapore alte dai 300 agli 800 metri.

Si parte alla scoperta delle Cascate…ne sento il fragore da lontano mentre mi avvicino, ancora non le vedo…e fu proprio cosi’ che furono trovate per caso dal medico missionario David Livingstone nel 1855, appassionato di botanica e di conoscere il mondo, seguendone il fragore in lontananza…Quando vi giunse, infine, pensò, scrivendolo in seguito sul suo diario di viaggio, che la “Fabbrica delle Nuvole” fosse un luogo abitato dagli angeli !!! Forse anche il Dottor Livingstone si mise a piangere davanti a tale spettacolo della natura…161 anni dopo, io ho versato lacrime di immensa emozione davanti a tale magnificenza della natura: 1700 Km di acqua che fragorosamente con i suoi 540 milioni di m cubi , invadono la terra, il cielo ed il cuore di chi è lì…piccolo piccolo…Non si può spiegare IMG_20160306_173147a parole, è cosi’ che improvvisamente ci si sente, piccoli ma incredibilmente forti, poiché in qualche modo si ha la strana sensazione qui in Africa, di essere protetti da Madre Terra, di essere un tutto con lei, seppur piccoli ed indifesi…Si ha coscienza d’improvviso di non essere padroni di nulla ma di fare parte del tutto…IMG_20160306_152343

Prendo l’elicottero e sorvolo dall’alto le Cascate… chissà cosa avrebbe provato il signor Livingstone ammirando dall’alto la sua “Fabbrica delle Nuvole”…. uno spettacolo da togliere il fiato: si ha consapevolezza della vastità, della potenza, dell’omogeneità dei colori, fino alla delicatezza ed allo stupore che lascia l’arcobaleno , che si staglia alto nel cielo sopra le Cascate…già …qui sotto le Cascate piove con il sole, piove sempre, sono le gocce del “Fiume che Tuona”, che ti inondano e ti lasciano inzuppato nonostante l’ombrello, ma mai avevo visto tanti visi sorridenti e felici di passeggiare sotto la pioggia, tra sole, arcobaleno, e la musica fragorosa delle Cascate Vittoria…